Circolari per i clienti

Circolare per i clienti 15 marzo 2019

Sommario

Anteprima | Adempimenti | Guide operative |

Anteprima

Debiti da accertamento e sopravvenienze, nuovi chiarimenti

Governo societario e crisi aziendale, l’analisi del CNDCEC

Pace fiscale, al via la definizione on-line

Reddito di cittadinanza, al via le domande

Veicoli elettrici e non inquinanti, i chiarimenti dell’Agenzia sugli incentivi della Legge di Bilancio

Bonus trasmissione corrispettivi, pronte le regole

Marchi, il deposito diventa più rapido

E-fattura, l’Agenzia delle Entrate chiarisce i dubbi dei soggetti non residenti

CNDCEC: via libera alle STP unipersonali

OIC, on-line le bozze inerenti alla valutazione dei titoli e la rivalutazione dei beni di impresa

Adempimenti

Dichiarazione IVA: l’indicazione corretta dell’IVA a credito

Nella dichiarazione IVA per l’anno 2018, la determinazione dell’IVA a credito tiene conto dell’IVA periodica versata e non quella che si sarebbe dovuta versare. Il che sta a significare che nel calcolo del credito emergente dalla dichiarazione occorrerà tenere conto esclusivamente dei versamenti effettuati e qualora da tale calcolo emerga un importo negativo il rigo relativo al credito (VL33) non deve essere compilato. Tale correttivo è stato introdotto al fine di evitare di utilizzare il credito emergente in assenza dei versamenti IVA dovuti.

Guide operative

L’iper-ammortamento nel settore sanitario 

In materia di “iper ammortamento”, sono pervenute, al Ministero dello Sviluppo Economico, numerose istanze di parere tecnico volte a conoscere la corretta classificazione, nell’ambito dell’allegato A della Legge n. 232/2016, di una serie di apparecchiature e altri beni impiegati nel settore sanitario non espressamente considerati negli esempi svolti nella circolare Agenzia delle Entrate-Ministero dello Sviluppo Economico n. 4 del 30 marzo 2017 e nei successivi documenti di prassi. Con la Circolare  del 1° marzo 2019, n. 48610 il Ministero ha cercato di fornire gli opportuni chiarimenti al fine di uniformare il trattamento delle diverse tipologie di investimenti ammissibili, anche in punto di redazione della documentazione tecnica richiesta (perizia giurata, attestazione o autocertificazione).

Leggi dopo