Circolari per i clienti

Circolare per i clienti 30 novembre 2017

Sommario

Anteprima | Adempimenti | Guide operati |

Anteprima

Voucher digitalizzazione, on-line nuove FAQ                                                           

Dichiarazione imposta sostitutiva sui finanziamenti, on-line il Modello

Attivo il servizio di web map catastale dell’Agenzia delle Entrate                            

Nuovo modello di trasmissione dei dati per il finanziamento ai terremotati

Provenienza utili, la delibera vale come prova                                                          

Esportazioni Italia/Canada, sistema Rex obbligatorio                                              

Enti Locali, in chiaro il calcolo della capacità fiscale                                                 

OIC: pubblicati i Regolamenti in materia di principi contabili internazionali

TARI, in chiaro il calcolo della parte variabile                                                           

No alla compensazione con crediti d'imposta a seguito di “accollo fiscale”

Adempimenti

IMU e TASI: saldo al 18 dicembre                                                                                 

I contribuenti che possiedono un immobile, entro il 18 dicembre 2017 (in quanto il 16 cade di sabato) dovranno corrispondere il saldo di IMU e TASI.

Il saldo corrisponde solitamente al 50% dell'imposta annuale, calcolata applicando le aliquote e le eventuali detrazioni deliberate dal Comune di riferimento per l’anno 2017. Se l'intero importo è stato pagato a giugno, nulla è dovuto a dicembre, con un'unica eccezione: se il comune ha approvato l'aumento delle aliquote dopo la scadenza del 16 giugno 2016, è necessario procedere al conguaglio a saldo

Guide operati

Contributi a società di mutuo soccorso: variazione della detrazione       

Con la riforma del terzo settore (D.Lgs. n. 117/2017) sono state previste alcune nuove detrazioni per le erogazioni liberali effettuate a favore degli enti che rientrano nelle nuove norme.

L’entrata in vigore di tali disposizioni aveva creato qualche problema interpretativo a causa del vuoto normativo venutosi a creare.

Per ovviare a ciò, con il D.L. n. 148/2017 (collegato fiscale) è stato stabilito che le nuove norme entrano in vigore il 1° gennaio 2018.

Leggi dopo