Focus

Locazioni brevi e locazioni sul web: nuovo regime fiscale per i contratti stipulati dal 1° giugno 2017

Sommario

Le locazioni brevi | Confini con l’attività di impresa e con le locazioni turistiche | Cedolare secca 21% per le locazioni brevi | Base imponibile: i corrispettivi lordi | Esercizio dell’opzione per la cedolare secca | Adempimenti in capo agli intermediari e ai gestori di portali telematici: comunicazione dei dati | Soggetti non residenti | Ritenuta del 21% | Imposta di soggiorno |

 

Con l’art. 4 del DL. 24.4.2017 n. 50, convertito con L. 21.6.2017 n. 96, è stato introdotto uno specifico “regime fiscale delle locazioni brevi”. La norma contiene una definizione della tipologia contrattuale, rinviando tuttavia ad un regolamento da emanare entro il 21 settembre l’individuazione dei criteri che fanno presumere il carattere imprenditoriale o meno dell’attività. Con la finalità di contrastare l’evasione fiscale, vengono introdotti adempimenti di comunicazione dei dati a carico degli intermediari e dei portali web, nonché l’obbligo di applicare la ritenuta (qualora gli stessi intervengano nell’incasso). Agli intermediari e ai gestori dei portali è inoltre estesa la responsabilità per l’imposta di soggiorno e per quanto previsto dai regolamenti comunali. Le disposizioni si applicano ai contratti stipulati dal 1° giugno 2017.

Leggi dopo