Guide agli adempimenti

Cambia la nozione di “prima casa” ai fini IVA

Sommario

Le regole in origine | Intervento ad opera del D.L. n. 104/2013 | Modifiche del D.Lgs. n. 175/2014 | Chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate |

 

Il decreto sulle semplificazioni fiscali (art. 33 D.Lgs. 21 novembre 2014, n. 175) interviene sulla definizione di “prima casa” utile per fruire delle agevolazioni fiscali in materia di imposte indirette, correggendo una difformità di vedute tra regole IVA e regole ai fini dell’imposta di registro che si era creata a seguito delle modifiche introdotte negli ultimi mesi. Infatti, a seguito delle ultime modifiche in materia, che verranno successivamente analizzate, si è venuta a creare una discordanza tra la definizione di “prima casa” che gode dei benefici IVA (aliquota ridotta del 4%) e la definizione di “prima casa” che gode delle agevolazioni ai fini del registro (aliquota 2% e imposte ipotecarie e catastali fisse). Pertanto, dal 13 dicembre 2014 (data di entrata in vigore del D.Lgs. n. 175/2014) si allinea la nozione di “prima casa” con regole uguali per tutte le imposte indirette. Ma per capire meglio il nuovo intervento normativo è necessario sintetizzare l’evoluzione delle disposizioni negli ultimi mesi.

Leggi dopo