News

2,9 mln di precompilate fai-da-te. Commercialisti: non si può parlare di successo

2.877.628 milioni, questo il numero di contribuenti che hanno inviato la dichiarazione dei redditi in modalità “fai da te” dal sito delle Entrate. Una cifra che l’Amministrazione finanziaria considera un successo a dispetto dell’Associazione Nazione Commercialisti (ANC) che lo trova un risultato troppo esiguo rispetto alla platea dei potenziali destinatari che conta oltre 20 milioni di contribuenti.

 

La verità sta nei numeri: 2,9 milioni di invii è circa il 10% del totale delle Precompilate. La nuova dichiarazione è utilizzata da ormai quattro anni e la cifra delle trasmissioni fai-da-te è partita nel 2015, primo anno di sperimentazione, con 1,4 milioni di invii in autonomia, nel 2016, primo anno a regime, con 2,1 milioni e nel 2017 con 2,4 milioni.

 

Sulla base di questi dati – commenta il Presidente dell’ANC, Cuchel, in una nota – è inspiegabile come si possa considerare l’intera operazione un successo, anche e soprattutto valutando il rapporto, evidentemente deludente, costi (a carico della collettività) / benefici (pochi per il sistema considerata la limitatezza del numero di contribuenti)”. “Sarebbe interessante approfondire – continua Cuchel - le ragioni della sostanziale diffidenza nei riguardi del sistema della dichiarazione precompilata da parte dei cittadini, i quali continuano, nella quasi totalità dei casi, a rivolgersi ai professionisti intermediari e ai centri di assistenza fiscale per i loro adempimenti nei confronti del fisco”. “Sono ancora diverse le criticità di un sistema che, contrariamente a quanto si vuole far credere, continua a basarsi sul lavoro dei professionisti intermediari, ed è per questo che l’ANC – conclude il Presidente – torna ancora una volta a domandarsi: questo progetto costituiva una reale priorità per il Paese?”

Leggi dopo