News

Bonus IRPEF: agevolazione fai-da-te per dipendenti, ricercatori e docenti

11 Maggio 2016 |

Agenzia delle Entrate, Circolare 6 maggio 2016, n. 18/E

Bonus IRPEF

Ai fini della determinazione del bonus IRPEF, il contribuente può fruire direttamente in dichiarazione dell’agevolazione prevista per i lavoratori dipendenti e per i ricercatori e docenti qualora il datore di lavoro non abbia potuto riconoscerla.

 

Il chiarimento, contenuto nella Circolare n. 18/E del 6 maggio scorso, è stata fornito dalle Entrate su esplicita richiesta di chiarimenti da parte dei CAF e dei professionisti. A decorrere dall’anno d’imposta 2015, infatti, alla formazione del reddito complessivo da considerare ai fini del riconoscimento del bonus IRPEF concorrono le parti di reddito esenti dalle imposte sui redditi previste per i ricercatori e docenti universitari (D.L. n. 185/2008) e per i lavoratori rientrati in Italia (L. n. 238/2010). Da qui la necessità di sapere come compilare il rigo C14 del modello 730/2016 e RC14 del modello Unico PF 2016 nell’eventualità in cui il contribuente intenda fruire direttamente in dichiarazione delle anzidette agevolazioni.

 

Le indicazioni fornite passo-passo dalle Entrate prevedono che il contribuente debba indicare nella casella “Casi particolari” presente nella sezione I del quadro C del modello 730/2016 o nella sezione I del quadro RC del modello Unico PF 2016:

  • il codice “1” se fruisce in dichiarazione dell’agevolazione prevista per i lavoratori dipendenti;
  • il codice “2” se fruisce in dichiarazione dell’agevolazione prevista per i docenti e ricercatori.

 

Nei righi da C1 a C3 (o da RC1 a RC3) indicherà la sola parte imponibile del reddito di lavoro dipendente:

  • per i lavoratori dipendenti l’ammontare sarà pari al 20% dell’importo indicato nel punto 1 della Certificazione Unica 2016 per le lavoratrici e al 30% di tale importo per i lavoratori;
  • per i docenti e ricercatori l’importo da indicare sarà pari al 10% dell’importo indicato nel punto 1 della Certificazione Unica 2016.

 

Al fine della determinazione dell’importo del bonus IRPEF spettante, il contribuente compilerà le colonne 3 e 4 del rigo C14 del modello 730/2016 o del rigo RC14 del modello Unico PF 2016:

  • nella colonna 3 dovrà indicherà il codice “1” se nella citata casella “Casi particolari” è stato indicato il codice “2”; il codice “2” se nella citata casella “Casi particolari” è stato indicato il codice “1”;
  • nella colonna 4 indicherà la parte di reddito esente corrispondente all’importo indicato nelle annotazioni alla Certificazione Unica 2016 con il codice BC nel caso di somme percepite dai docenti e dai ricercatori;  con il codice BM nel caso di somme percepite dai lavoratori. Nell’eventualità in cui nella Certificazione Unica 2016 non siano presenti tali informazioni, nella colonna 4 andrà indicato l’importo risultante dalla differenza tra l’ammontare indicato nel punto 1 della Certificazione Unica 2016 e quello indicato nel quadro C o RC del modello di dichiarazione. 
Leggi dopo

Le Bussole correlate >