News

Camere di Commercio, riforma al via

Al via la riforma delle Camere di Commercio. L’8 agosto è stato firmato dal Ministro dello Sviluppo Economico Carlo Calenda il decreto che riforma e riordina le Camere di Commercio italiane, che passano da 95 a 60; parimenti, le Aziende speciali passano da 96 a 58. In ogni caso, è salvaguardata la presenza di una Camera di Commercio almeno in ogni regione.

 

«Il decreto razionalizza e rende più efficiente l’intero settore - ha spiegato il Ministro Calenda – Si è giunti a compimento di un percorso avviato nel 2016 sulla base della proposta di Unioncamere che ha come risultato un piano complessivo di razionalizzazione delle sedi delle singole Camere di Commercio. La riforma porterà risparmi importanti, una più razionale riallocazione del personale, maggiori servizi alle imprese e una rimodulazione dell’offerta anche in relazione alle opportunità del piano Industria 4.0».

 

Il Ministero afferma che, tramite dei commissari ad acta, sarà agevolata l’istituzione delle nuove Camere di Commercio derivanti dagli accorpamenti previsti dal Piano di riordino.

 

Per Ivan Lo Bello, presidente di Unioncamere, «questo è un passaggio storico che consente di dare alla luce un nuovo sistema camerale in grado di supportare il processo di ammodernamento in corso nel nostro tessuto produttivo. Dopo questa fase di razionalizzazione, è ora il momento di guardare al futuro. Le nuove Camere di commercio sono pronte ad impegnarsi sui nuovi temi che riguardano le nuove frontiere dello sviluppo per le imprese ed il Paese».

Leggi dopo