News

Cessione dell’ecobonus, l’Agenzia delle Entrate interviene con un Provvedimento

L’Agenzia delle Entrate, con il Provvedimento 18 aprile 2019 Prot. 100372/2019, definisce le regole per la cessione del credito corrispondente alla detrazione legata alle spese per gli interventi di riqualificazione energetica effettuati nel corso degli anni 2018 e 2019. Il credito di imposta cedibile corrisponde alla detrazione dall’imposta lorda spettante per interventi di riqualificazione energetica effettuati su singole unità immobiliari.

 

L’Agenzia ha ricordato che il credito d’imposta può essere ceduto in favore dei fornitori dei beni e servizi necessari alla realizzazione degli interventi di cui all' articolo 14 del D.L. n. 63 del 2013 e di altri soggetti privati quali persone fisiche, anche esercenti attività di lavoro autonomo o d’impresa, società ed enti, diversi dai fornitori, sempreché collegati al rapporto che ha dato origine alla detrazione. La cessione non può avvenire nei confronti delle pubbliche amministrazioni.

 

Per gli interventi sulle singole unità immobiliari, l’Agenzia delle Entrate stabilisce che

  • i soggetti che nell’anno precedente a quello di sostenimento delle spese sono possessori di redditi esclusi dalla imposizione ai fini dell’IRPEF, i quali non avrebbero potuto, in concreto, fruire della corrispondente detrazione atteso che la stessa spetta fino a concorrenza dell’imposta lorda, (c.d. no tax area), possono cedere il credito corrispondente alla detrazione in favore dei fornitori che hanno effettuati gli interventi ovvero di altri soggetti privati, ivi inclusi gli istituti di credito e gli intermediari finanziari, non essendo tale possibilità esplicitamente esclusa dalla norma;
  • tutti gli altri soggetti beneficiari della detrazione diversi dai c.d. no tax area possono cedere il credito corrispondente alla detrazione in favore dei fornitori che hanno effettuati gli interventi ovvero di altri soggetti privati.

La cessione dovrà essere comunicata all’Agenzia tramite le funzionalità messe a disposizione dalla stessa sul proprio sito o tramite gli uffici territoriali, con il modello allegato al Provvedimento (è anche possibile il suo invio tramite Pec). La comunicazione, la cui omissione rende inefficace la cessione, dovrà avvenire entro il 28 febbraio dell’anno successivo al sostenimento della spesa. Per le spese del 2018, andrà effettuata dal 7 maggio al 12 luglio 2019.

Leggi dopo