News

Decreto sull'esonero dagli obblighi di invio dei corrispettivi: il MEF attiva la consultazione

 

Il MEF, con una consultazione pubblica diffusa il 12 aprile, domanda agli esperti del settore (professionisti, associazioni, istituzioni di ricerca) osservazioni e contributi in merito al decreto che individua specifici esoneri dagli obblighi di memorizzazione elettronica e trasmissione telematica dei corrispettivi giornalieri in ragione della tipologia di attività esercitata. Il termine ultimo per l'invio dei contributi è il 26 aprile p.v.

 

Gli operatori economici che effettuano operazioni di commercio al dettaglio e attività assimilate  - ex art. 22 D.P.R. n. 633/1972 - avranno l’obbligo di effettuare la memorizzazione elettronica e la trasmissione telematica dei dati dei corrispettivi giornalieri in luogo del rilascio dello scontrino o della ricevuta fiscale. La memorizzazione elettronica e la trasmissione telematica dei corrispettivi giornalieri sarà obbligatoria a partire dal 1° luglio 2019, per i contribuenti con volume d’affari superiore a euro 400 mila, in alternativa a partire dal 1° gennaio 2020, per i contribuenti con volume d’affari inferiore a euro 400 mila (art. 2, comma 1, D.Lgs. n. 127/15).

 

L'attività potrà essere effettuata mediante registratori di cassa telematici oppure utilizzando altri strumenti che garantiscano la sicurezza e la inalterabilità dei dati, i quali saranno regolamentati da provvedimenti del Direttore dell’Agenzia delle entrate di prossima emanazione. 

Con apposito decreto, il MEF può prevedere specifici esoneri dall’obbligo di memorizzazione e trasmissione telematica dei corrispettivi, in ragione della tipologia di attività esercitata dall’operatore IVA come, ad esempio, per le attività già oggi esonerate dall’emissione di scontrini e ricevute fiscali (art. 2 D.P.R. n. 696/1996).

 

Leggi dopo