News

Detrazioni ridotte per redditi sopra i 120 mila euro

Il disegno della legge di bilancio 2020 approdato a Palazzo Madama e attualmente allo studio della Commissione Bilancio, riduce il grado di detraibilità dall'imposta lorda sui redditi degli oneri detraibili (art. 15 TUIR) per i contribuenti con reddito complessivo, al netto di quello relativo all'abitazione principale e alle relative pertinenze, superiore a 120.000 euro. Rimangono invece immutati gli importi detraibili per interessi relativi ai prestiti e mutui agrari, all'acquisto e alla costruzione dell'abitazione principale e alle spese sanitarie per patologie gravi.

 

Con la novità, a decorrere dall'anno di imposta 2020:

  • la detrazione spetta per l'intero importo qualora il reddito complessivo non ecceda 120.000 euro;
  • la detrazione spetta in misura minore, e specificamente pari al rapporto tra 240.000 euro, diminuito del reddito complessivo del dichiarante, e 120.000, euro qualora il reddito complessivo sia superiore a 120.000 euro.

Reddito (euro)

Quota di detraibilità spettante (%)

Fino a 120.000

Oltre 120.000 fino a 240.000

Oltre 240.000

100

100 x (240.000-reddito)/120.000

0

 

Sostanzialmente, per i redditi superiori a 120.000 euro, la detrazione spettante diminuisce all'aumentare del reddito.

Come anticipato, il reddito complessivo è determinato al netto del reddito dell’unità immobiliare adibita ad abitazione principale e di quello delle relative pertinenze (art. 10 c. 3-bis TUIR).

 

La detrazione continua a spettare per l’intero importo, a prescindere dall’ammontare del reddito complessivo, per:

  • gli interessi passivi e relativi oneri accessori nonché le quote di rivalutazione dipendenti da clausole di indicizzazione, pagati in dipendenza di prestiti o mutui agrari o di mutui garantiti da ipoteca su immobili contratti per l'acquisto dell'unità immobiliare da adibire ad abitazione principale;
  • gli interessi di mutui contratti, a partire dal 1° gennaio 1998 e garantiti da ipoteca, per la costruzione dell'unità immobiliare da adibire ad abitazione principale;
  • le spese sanitarie sostenute per patologie che danno diritto all’esenzione dalla partecipazione alla spesa sanitaria.
Leggi dopo