News

Disciplina della liquidazione IVA di gruppo - 1: condizioni ed esercizio dell’opzione

09 Dicembre 2019 |

Art. 73 DPR 633/72
DM 13 dicembre 1979

IVA di gruppo

Premessa

La cosiddetta liquidazione IVA di gruppo rappresenta una particolare modalità di liquidazione dell’imposta mediante la quale i versamenti dell’imposta a debito "possono essere fatti dagli enti o società controllanti, per l’ammontare complessivamente dovuto da una o più società controllate, al netto delle eccedenze detraibili risultanti delle liquidazioni periodiche (…)” (art. 1 DM 13 dicembre 1979). Questa procedura consente un recupero più veloce dei crediti IVA nell’ambito del gruppo, in quanto in sede di liquidazione IVA la società capogruppo effettua una compensazione delle posizioni debitorie e creditorie delle società controllate.

 

Le condizioni soggettive e temporali

La procedura è riservata agli enti o società controllanti che posseggono, senza interruzione, azioni o quote:

  • per una percentuale superiore al 50% del capitale sociale;
  • almeno a partire dal 1° luglio dell’anno solare precedente a quello di esercizio dell’opzione;

in società di capitali (s.p.a., s.a.p.a., s.r.l.) e società di persone (s.n.c. e s.a.s.).

Le società controllanti a loro volta controllate da un’altra società possono avvalersi della liquidazione IVA di gruppo soltanto se la società che le controlla rinuncia ad avvalersene.

Possono altresì aderire alla procedura dell’IVA di gruppo:

  • le società che si considerano indirettamente controllate ai sensi della presente disciplina;
  • le società residenti in altri Stati UE, a condizione che il soggetto non residente sia in possesso di tutti i requisiti previsti dal DM 13 febbraio 2017 e sia identificato, ai fini IVA, in Italia per il tramite di una stabile organizzazione, con un rappresentante fiscale ai fini IVA o mediante identificazione diretta (art. 35 ter DPR 633/1972).

 

Nella Risp. AE 23 ottobre 2019 n. 421 l’Agenzia delle Entrate ha riconosciuto la fruibilità dell’opzione per la liquidazione dell’IVA di gruppo da parte di una società di capitali estera che, in qualità di sub-holding della società capogruppo straniera da cui era essa stessa controllata, rivestiva il ruolo intermedio di società controllante di ulteriori compagini.

 

Viceversa, non possono partecipare alla procedura i soggetti residenti in Stati extra-UE (Principio di diritto 19 novembre 2019 n. 24 e Ris. AE 21 febbraio 2005 n. 22).

 

L’esercizio dell’opzione

L’ente (o società controllante) deve esercitare l’opzione per la procedura di liquidazione IVA di gruppo con la dichiarazione IVA presentata nell’anno solare a decorrere dal quale intende esercitare l’opzione (a tal fine occorre compilare il quadro VG).

 

Esempio

Per il 2020, l'opzione dovrà essere esercitata entro il 30.4.2020, compilando il quadro VG del modello dichiarativo.

 

In particolare, nella dichiarazione dell’ente (o società) controllante devono risultare:

  • il numero di partita IVA delle società controllate;
  • il tipo di comunicazione relativa a ciascuna società controllata;
  • la sussistenza del requisito di controllo, specificando la data di origine e la percentuale di partecipazione delle azioni o quote delle società controllate;
  • la rinuncia della società controllante, nell’ipotesi di IVA di gruppo attivata da una sub-holding;
  • il prospetto IVA 26 PR riepilogativo delle liquidazioni di tutte le società appartenenti al gruppo;
  • le eventuali garanzie offerte dalla controllante nel caso di compensazioni all’interno del gruppo.

La dichiarazione ha effetto fino a revoca da esercitarsi con le medesime modalità di comunicazione.

 

L'art. 1 DM 13 febbraio 2017 ha esteso l'efficacia temporale dell'opzione per l'IVA di gruppo, stabilendo che le opzioni esercitate a partire dal 2017 con le nuove modalità hanno effetto fino a revoca (anche quest'ultima dovrà essere comunicata nell'ambito della dichiarazione IVA annuale).

 

Ogni variazione dei dati relativi alle società controllante intervenuta nel corso dell’anno deve essere comunicata all’Agenzia delle Entrate entro 30 giorni con il Modello IVA 26.

 

Continua

Leggi dopo