News

Documento di Trasporto Elettronico, ok all’utilizzo del manifesto elettronico

Nuova prassi doganale in materia di utilizzo Documento di Trasporto Elettronico (DTE) per il trasporto aereo e marittimo. A seguito della decisione presa nel corso del tavolo tecnico e-Customs del 28 febbraio 2018, ovvero di procedere all’integrazione delle informazioni mancanti negli attuali tracciati MMA/MMP per consentirne l’utilizzo come DTE, le Dogane, tramite la Nota n. 41755/ RU del 12 aprile scorso, hanno definito i contenuti integrativi e indicato le relative modalità operative.

 

Come noto, con il nuovo Codice Doganale dell’Unione le compagnie aeree/marittime che intendono utilizzare il DTE devono essere in possesso di specifica autorizzazione (decisione doganale “ETD” 1 ). A partire dal 2 maggio, quando l’unica semplificazione utilizzabile sarà quella del DTE, in assenza di detta autorizzazione, si potranno effettuare esclusivamente operazioni di transito in procedura ordinaria, con relativo utilizzo dell’NCTS e presentazione di garanzia. Ciò premesso, e stante il fatto che in Italia viene già presentato il manifesto di arrivo (MMA)/di partenza (MMP) delle merci e che i relativi tracciati record già contengono gran parte dei dati richiesti per il DTE, è stato deciso di integrare i modelli già esistenti.

 

Per tale ragione “sono state realizzate” si legge nella Nota “nuove funzionalità per il trattamento delle informazioni integrative. Si precisa che il tracciato dei manifesti non subisce nessuna variazione. Sono state introdotte regole e condizioni specificate nell’allegato a cui attenersi solo nei casi in cui il manifesto sia utilizzato per il regime del transito semplificato”.

Leggi dopo