News

E-fattura, i commercialisti invocano la proroga della moratoria sulle sanzioni

Serve una proroga dal 16 febbraio al 16 marzo della moratoria sulle sanzioni per la tardiva trasmissione delle fatture elettroniche. Il Consiglio Nazionale dei Commercialisti, per voce del Presidente Massimo Miani, è tornato a rappresentare tutta l’inquietudine della categoria nei riguardi della e-fattura, indirizzando una lettera al ministro dell’Economia Giovanni Tria e al direttore dell’Agenzia delle Entrate Antonino Maggiore. «L’obbligo generalizzato di fatturazione elettronica nelle operazioni tra privati sta generando una situazione di emergenza destinata ad acutizzarsi nella prossima settimana», ha spiegato Miani, sottolineando «le molteplici situazioni di criticità dovute in parte alla impreparazione dei contribuenti, ma anche alle inefficienze e ai ritardi che si stanno verificando nell’allineamento telematico dei flussi di dati tra le piattaforme delle principali società di software e il Sistema di Interscambio messo a disposizione dall’Agenzia delle Entrate».

 

La richiesta è dunque «la proroga di un mese della moratoria sulle sanzioni di cui al citato art. 10 del D.L. n. 119/2018, fermo restando l’obbligo di computare l’imposta relativa alle operazioni effettuate a gennaio 2019 nella liquidazione periodica in scadenza il 16 febbraio», ma anche la proroga di un mese dei termini per l’invio delle Certificazioni Uniche e dei dati degli oneri deducibili e detraibili per la predisposizione delle dichiarazioni precompilate.

 

Il calendario delle scadenze fiscali per la prima parte del 2019 proposto dai commercialisti a MEF e Agenzia delle Entrate è dunque il seguente:

  • 16 marzo 2019 – esonero sanzioni per tardiva trasmissione fatture elettroniche (contribuenti mensili);
  • 1° aprile 2019 – comunicazione dati oneri deducibili e detraibili per dichiarazioni precompilate;
  • 1° aprile 2019 – comunicazione delle Certificazioni Uniche;
  • 15 aprile 2019 – comunicazione dati fatture relativa al 2° semestre 2018 (o 4° trimestre 2018);
  • 15 aprile 2019 – comunicazione dati liquidazione periodica IVA relativa al 4° trimestre 2018;
  • 30 maggio 2019 – decorrenza prima comunicazione mensile dati operazioni con soggetti non residenti (in mancanza di modifica della periodicità da mensile ad annuale o semestrale).

 

Leggi dopo

Le Bussole correlate >