News

Entrate tributarie: gettito in lieve aumento nei primi dieci mesi del 2018

 

Il dato del gettito del periodo gennaio-ottobre risulta influenzato dallo spostamento, dal mese di maggio al mese di novembre, del pagamento dell’acconto dell’imposta sulle assicurazioni. Al netto di questo acconto le entrate tributarie erariali del periodo gennaio-ottobre 2018 registrerebbero un incremento del 2,0%.

Questi i dati principali che emergono dal bollettino MEF del 5 dicembre 2018.

 

Imposte dirette

Il gettito delle imposte dirette risulta pari a 190.047 milioni di euro, con un aumento di 2.505 milioni di euro (+1,3%) rispetto ai primi dieci mesi del 2017. Le ritenute IRPEF sui lavoratori dipendenti e sui pensionati mostrano una crescita di 4.691 milioni di euro (+3,8%).

Tra le altre imposte dirette si registra un incremento significativo del gettito dell’imposta sostitutiva sui redditi da capitale e sulle plusvalenze (+ 215 milioni di euro, +27,2%), per effetto del versamento, nel mese di febbraio, dell’imposta sui risultati della gestione individuale di portafoglio in regime di risparmio gestito, figlio della performance positiva dei mercati nel corso del 2017.

Il gettito dell’IRES presenta una riduzione di 1.822 milioni di euro (-9,5%) per effetto del taglio di 3,5 punti percentuali dell’aliquota, prevista dalla Legge di Stabilità per il 2016, e dell’applicazione della maggiorazione della deduzione degli ammortamenti (c.d. superammortamento) contenuta nella Legge di Bilancio per il 2017.

 

Imposte indirette

Il gettito delle imposte indirette, che ammonta a 164.406 milioni di euro, registra una crescita di 3.018 milioni di euro (+1,9%). Il risultato è legato all’andamento del gettito IVA (+3.378 milioni di euro, +3,5%) e, in particolare, della componente relativa agli scambi interni che aumenta di 2.549 milioni di euro (+3,0%).

Si segnala una diminuzione delle entrate dell’imposta sulle assicurazioni (-1.233 milioni di euro, -48,1%) dovuta, come sopra detto, allo spostamento dei termini di versamento da maggio a novembre dell’acconto dell’imposta, secondo quanto previsto dalla Legge di Bilancio per il 2018.

Tra le altre imposte indirette, si segnala un incremento delle entrate dell’imposta di registro (+104 milioni di euro, +2,6%), dei canoni di abbonamento radio e TV (+30 milioni di euro, +2,0%) e dell’imposta di bollo (+ 375 milioni di euro, +7,0%).

 

Entrate da accertamento e controllo

Il dato è pari a 8.439 milioni (-963 milioni di euro, -10,2%) di cui: 4.187 milioni di euro (-1.127 milioni di euro, -21,2%) sono affluiti dalle imposte dirette e 4.252 milioni di euro (+164 milioni di euro, +4,0%) dalle imposte indirette. Il risultato del periodo gennaio-ottobre è stato condizionato dall’andamento negativo del mese di agosto 2018 rispetto al corrispondente 2017 (-891 milioni di euro, pari a -45,3%) nel quale il gettito era stato sostenuto dalle consistenti entrate derivanti dalla “Definizione agevolata” delle controversie tributarie, introdotta dal D.L. 193/2016.

Leggi dopo