News

Flat tax al 20% dal 2020, ecco tutti i dettagli

Dal 1° gennaio 2020 entrerà in vigore la nuova flat tax al 20% per imprenditori, artisti e professionisti con ricavi fino a 100.000 euro che non ricadono nel regime forfettario. A prevederlo è l’art. 1, comma 17, della Legge di Bilancio 2019 (L. 145/2018). Vediamo nel dettaglio tutti gli aspetti della nuova flat tax.

 

Ambito soggettivo e oggettivo

 

Le nuove disposizioni consentono, dal 1° gennaio 2020, alle persone fisiche esercenti attività d’impresa, arti o professioni, che nel periodo d'imposta precedente a quello per il quale è presentata la dichiarazione hanno conseguito ricavi o percepito compensi tra 65.001 e 100.000 euro, ragguagliati ad anno, di applicare al reddito d’impresa o di lavoro autonomo, determinato con le modalità ordinarie, un’imposta sostitutiva dell’imposta sul reddito, delle addizionali regionali e comunali e dell’IRAP con aliquota al 20%.

Soglie di reddito

Ai fini del calcolo delle soglie di reddito (tra 65.001 e 100.000 euro) occorre tenere presente che:

  •        non rilevano gli ulteriori componenti positivi, non risultanti dalle scritture contabili, che i contribuenti possono indicare nelle dichiarazioni fiscali per i periodi d'imposta in cui trovano applicazione gli indici sintetici di affidabilità fiscale, per migliorare il proprio profilo di affidabilità e accedere all’apposito regime premiale;

  • ove il contribuente eserciti contemporaneamente differenti attività, si assume la somma dei ricavi e dei compensi relativi alle attività esercitate.

 

Esclusioni dal regime

 

Non possono applicare la nuova flat tax:

  • le persone fisiche che si avvalgono di regimi speciali ai fini IVA o di regimi forfetari di determinazione del reddito;
  •         i soggetti non residenti, ad eccezione di quelli che sono residenti in uno degli Stati membri dell’Unione europea o in uno Stato aderente all’Accordo sullo Spazio economico europeo che assicuri un adeguato scambio di informazioni e che producono nel territorio dello Stato italiano redditi che costituiscono almeno il 75% del reddito complessivamente prodotto;
  •          i soggetti che in via esclusiva o prevalente effettuano cessioni di fabbricati o porzioni di fabbricato e di terreni edificabili (operazioni esenti da IVA) o di mezzi di trasporto nuovi (ex art. 53, comma 1, D.L. n. 331/1993);
  •         gli esercenti attività d’impresa, arti o professioni che partecipano contemporaneamente a società di persone, ad associazioni o imprese familiari, a srl o ad associazioni in partecipazione, ovvero che controllano direttamente o indirettamente società a responsabilità limitata o associazioni in partecipazione, le quali esercitano attività economiche direttamente o indirettamente riconducibili a quelle svolte dagli esercenti attività d’impresa, arti o professioni;
  •          persone fisiche che esercitano la propria attività prevalentemente nei confronti dei datori coi quali siano in essere rapporti di lavoro o lo siano stati nei due precedenti periodi d’imposta, ovvero nei confronti di soggetti riconducibili ai medesimi datori di lavoro.

 

Adempimenti contabili

 

I ricavi e i compensi relativi al reddito oggetto del regime forfetario non sono assoggettati a ritenuta d'acconto da parte del sostituto d'imposta. A tale fine, spetta ai contribuenti rilasciare apposita dichiarazione dalla quale risulti che il reddito cui le somme afferiscono è soggetto ad imposta sostitutiva. Inoltre, le persone fisiche che applicano l’imposta sostitutiva non devono effettuare le ritenute alla fonte obbligatorie per legge, ma sono obbligati, nella dichiarazione dei redditi, a indicare il codice fiscale del percettore dei redditi per i quali all'atto del pagamento degli stessi non è stata operata la ritenuta e l'ammontare dei redditi stessi.

 

Infine, l’applicazione dell’imposta sostitutiva alle persone fisiche:  

  • esonera dall’applicazione dell’IVA e dai relativi adempimenti, analogamente a quanto previsto per gli aderenti al regime forfettario;
  • mantiene tuttavia fermo l’obbligo di fatturazione elettronica.
Leggi dopo