News

Gruppo IVA: persona fisica non soggetto passivo può essere controllante

20 Giugno 2019 |

Risp. AE 17 giugno 2019 n. 194
art. 70 bis DPR. 633/72

IVA di gruppo

Il Gruppo IVA si può costituire quando i soggetti passivi che lo compongono, stabiliti nel territorio dello Stato ed esercenti attività d’impresa, arte o professione, sono fra loro collegati nel rispetto dei vincoli finanziario, economico ed organizzativo imposti dalla legge. Inoltre, per presunzione relativa, se sussiste il primo anche il secondo e il terzo si considerano sussistenti.

Con specifico riguardo al vincolo finanziario (che si realizza quando fra i partecipanti, o fra i partecipanti e il soggetto che li controlla, sussiste, direttamente o indirettamente, il controllo della maggioranza dei voti esercitabilinell’assembra ordinaria), è stato chiesto all’AE di esplicitare se tale requisito risulti soddisfatto anche nell’ipotesi in cui il soggetto controllante è una persona fisica che non riveste la qualifica di soggetto passivo IVA.

Rispondendo positivamente al quesito, l’Agenzia precisa che la norma, che ritiene sussistente il vincolo del controllo anche quando esso è esercitato dal “medesimo soggetto” che controlla i partecipanti al Gruppo IVA, non fa alcun espresso riferimento né alla soggettività passiva IVA di tale controllante né alla sua natura (persona fisica o giuridica).

Il Gruppo IVA, quindi, può essere formato dalle società direttamente o indirettamente controllate dalla persona fisica, pur esclusa dal perimetro di consolidamento, data la sua mancanza di soggettività IVA.

Leggi dopo