News

Le Entrate rispondono in merito allo split payment ed alla cessione di beni

Con la Risposta ad interpello n. 27, pubblicata ieri, l’Agenzia delle Entrate ha risposto al quesito posto da una società di produzione cinematografica estera che deve realizzare una serie di opere cinematografiche da realizzarsi prevalentemente, se non addirittura integralmente, sul territorio italiano. La società doveva sapere se gli obblighi in materia di split payment trovino applicazione anche in relazione alle cessioni di beni e alle prestazioni di servizi effettuate nei propri confronti, connesse alle attività relative al patrimonio destinato allo specifico affare di produzione esecutiva.

 

Nel caso sottoposto alle Entrate, non potendosi configurare per il patrimonio destinato a uno specifico scopo un’autonoma soggettività, tutte le operazioni connesse alla sua gestione dovranno necessariamente essere attribuite alla società istante, la quale dovrà farsi carico dei relativi adempimenti fiscali. Spiega il Fisco che, di conseguenza, essendo l’istante riconducibile nell’ambito soggettivo della disciplina della scissione dei pagamenti di cui all’art. 17-ter del D.P.R. n. 633/1972 - in quanto interamente partecipata dal Ministero Beta e presente negli elenchi (aventi efficacia costitutiva) pubblicati sul sito del Ministero dell’Economia e delle Finanze - alle cessioni di beni e alle prestazioni di servizi effettuate nei suoi confronti, è applicabile la disciplina della scissione dei pagamenti di cui all’art. 17-ter del D.P.R. n. 633/1972.

Leggi dopo

Le Bussole correlate >