News

Leasing finanziario, possibile rettifica IVA in ipotesi di risoluzione

05 Luglio 2019 |

C.Giust. UE 3 luglio 2019 C-242/18

IVA

 

Nella risoluzione di un contratto di leasing finanziario è consentito ridurre la base imponibile IVA determinata forfettariamente mediante avviso di rettifica dell’Amministrazione anche quando l’avviso di rettifica  - non più impugnabile - sia divenuto "atto amministrativo definitivo" che accerti un debito d’imposta (C.Giust. UE 3 luglio C-242/18). 

 

Il mancato versamento di una parte dei canoni dovuti nel periodo tra la cessazione dei pagamenti e la risoluzione non retroattiva del contratto, da un lato, e il mancato versamento di un indennizzo dovuto in caso di risoluzione anticipata e corrispondente alla somma di tutti i canoni non versati fino al termine del contratto, dall’altro, rappresentano un mancato pagamento che può ricadere nella deroga all’obbligo di riduzione della base imponibile IVA, salvo che il soggetto passivo non segnali una ragionevole probabilità che il debito non venga onorato (art. 90 direttiva 2006/112/CE). La circostanza deve essere verificata dal giudice del rinvio.

 

La domanda è stata presentata nell’ambito di una controversia in merito al diniego, opposto dall'Amministazione Finanziaria, di concedere alla società una regolarizzazione dell’importo dell’imposta sul valore aggiunto versata e relativa ai canoni non pagati di un contratto di leasing finanziario.

Leggi dopo