News

Medici di base, esonero dalla fattura per le prestazioni convenzionate con l’Asl

Esenzione dall’obbligo di emissione della fattura per le prestazioni rese dai medici generali, convenzionali con l’Asl. Lo ha confermato l’Agenzia delle Entrate con la Risposta ad interpello n. 54, pubblicata ieri. Con essa, l’Agenzia ha precisato che le novità introdotte con la e-fattura non vanno a modificare le regole di certificazione delle operazioni.

 

Il Fisco, chiarendo il dubbio del contribuente istante – per l’appunto un medico di base – alla luce del quadro normativo attualmente vigente e della specifica prescrizione contenuta nel D.M. 31 ottobre 1974 per le prestazioni medico-sanitarie svolte dai medici in favore dei vari enti, ha specificato che «risulta ancora attuale quanto riportato nella Risoluzione n. 98/E/2015, laddove si è precisato che se l’obbligo di emettere una fattura non sussisteva prima, lo stesso non è venuto ad esistenza con la Legge 24 dicembre 2007, n. 244 – o, oggi, con la Legge n. 205/2017 ed i successivi provvedimenti che sono variamente intervenuti sulla stessa o sul D.Lgs. n. 127/2015 – né, a maggior ragione, l’obbligo può riguardare la forma di una fattura che, in ragione dell’art. 2 del D.M. 31 ottobre 1974, non è da emettere (in quanto sostituita dal foglio di liquidazione dei corrispettivi)».

 

Per il periodo di imposta 2019, inoltre, si applica anche il divieto della fattura elettronica ai compensi che il medico percepisce dai pazienti, in merito alle fatture i cui dati sono da inviare al Sistema Tessera Sanitaria.

Leggi dopo

Le Bussole correlate >