News

Modelli INTRA, l’Agenzia approva le semplificazioni

Semplificazioni e minori adempimenti in arrivo per i soggetti passivi IVA che devono inviare gli elenchi riepilogativi delle operazioni intracomunitarie, i cosiddetti modelli INTRASTAT. L’Agenzia delle Entrate, con il Provvedimento del 25 settembre 2017, n. 194409 ha infatti alleggerito gli obblighi comunicativi.

 

La razionalizzazione dei flussi informativi INTRASTAT è «volta a raggiungere un duplice obiettivo: evitare duplicazioni di adempimenti comunicativi a carico dei contribuenti IVA e ridurre – nel rispetto della normativa UE – le informazioni fiscali e statistiche da trasmettere all’Amministrazione».

 

Le semplificazioni riguardano:

  • il modello INTRA 2-bis, relativo agli acquisti di beni;
  • il modello INTRA 2-quater, relativo agli acquisti di servizi;
  • il modello INTRA 1-bis, relativo alle cessioni di beni;
  • il modello INTRA 1-quater, relativo ai servizi resi.

 

Sono stati aboliti i modelli INTRA trimestrali, in merito agli acquisti di beni e servizi; è stata quindi attribuita una valenza statistica agli INTRA mensili relativi ad acquisti di beni e servizi. È stato quindi ridotto il numero di contribuenti soggetti all’obbligo di comunicazione: è stata infatti innalzata la soglia dell’ammontare delle operazioni per l’individuazione dei soggetti che devono presentare gli elenchi riepilogativi mensili: la soglia è passata da 50mila a 200mila euro trimestrali per gli acquisti di beni, e da 50.000 euro a 100.000 euro trimestrali per gli acquisti di servizi.

 

È stato anche semplificato il campo “Codice Servizio”, laddove presente, ridimensionando il livello di dettaglio richiesto. «In particolare – precisa il documento di prassi – il passaggio dal CPA a 6 cifre al CPA a 5 cifre comporta una riduzione di circa il 50% dei codici CPA da selezionare. Tale misura sarà successivamente accompagnata dall’introduzione di un “motore di ricerca” e di forme di assistenza più mirata, in ausilio degli operatori».

 

Sono infine stati mantenuti i modelli INTRA esistenti per le cessioni di beni e di servizi. Per tali operazioni, in particolare, la presentazione con periodicità mensile o trimestrale resta ancorata alla soglia di 50.000 euro.

Leggi dopo