News

Multe ridotte del 30%, come avere il beneficio?

28 Agosto 2013 | Riscossione

Con la pubblicazione sulla G.U. del 20.08.2013, n. 194, della legge di conversione del D.L. 21 giugno 2013, n. 69, recante disposizioni urgenti per il rilancio dell'economia, sono entrate in vigore le norme che introducono la possibilità di ridurre del 30% le sanzioni amministrative in ordine ad alcune violazioni del Codice della Strada.

Chi e quando?

Il trasgressore, il proprietario del veicolo o qualsiasi altro obbligato in solido può pagare la somma pari al minimo fissata dalle singole norme ridotta del 30%; il beneficio della riduzione può valere anche chi riceve per posta dal 21 agosto un verbale per una violazione commessa prima di tale data.
Dalla stessa data, quando il pagamento della sanzione è effettuato entro 5 giorni dalla contestazione o dalla notificazione del verbale (si ricorda che se il quinto giorno è festivo, conta il primo feriale utile) per le violazioni alle norme del Codice della Strada - che prevedono il pagamento di una sanzione amministrativa pecuniaria -, si gode della riduzione.

 

Ipotesi preclusive al beneficio

La riduzione è esclusa nei seguenti casi:

  • violazioni per le quali non è consentito il pagamento in misura ridotta
  • violazioni di natura penale (es. guida in stato di ebbrezza)
  • violazioni per cui è prevista la sanzione accessoria della confisca del veicolo (non è compresa la confisca, eventuale, prevista per la mancanza di assicurazione)
  • violazioni per cui è prevista la sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente di guida

 

Come procedere al pagamento

Sul verbale sarà chiaramente indicato se il versamento in forma ridotta è ammesso e l'importo che dovrà essere versato entro 5 giorni dalla contestazione o dalla notificazione. All'interessato saranno fornite le indicazioni per l'effettuazione del pagamento secondo le modalità di gestione adottate da ciascun organo di polizia. Si ricorda che i soggetti inclini a proporre ricorso al Prefetto o al Giudice di Pace non devranno effettuare il pagamento della sanzione.
In generale, nel caso di pagamento oltre il termine di 5 giorni, o in misura inferiore a quella prevista, l'obbligazione non si considera estinta: la somma versata è trattenuta come acconto e, se non sarà effettuato il pagamento in misura ridotta senza sconto entro 60 giorni dalla contestazione o notificazione, sarà iscritta a ruolo una somma pari alla differenza tra la metà del massimo della sanzione edittale (più le spese di procedimento) e l'acconto versato.

Leggi dopo