News

Niente esenzione per le condutture del gas, anch’esse pagano la TOSAP

Anche le condutture per la distribuzione del gas pagano la TOSAP se attraversano terreni demaniali. Lo afferma la Corte di Cassazione con l’ordinanza dell’11 settembre 2018 n. 22097, con la quale la Sesta Sezione Civile ha dovuto dirimere una complessa vicenda tra due società, una gestore degli impianti e l’altra concessionaria dell’impianto.

 

Gli Ermellini hanno spiegato che il presupposto impositivo per la tassa per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche (TOSAP) è costituito dalle occupazioni, di qualsiasi natura di spazi ed aree, anche soprastanti e sottostanti il suolo, appartenenti al demanio o al patrimonio indisponibile dei comuni e delle province, mentre sono irrilevanti gli atti di concessione o di autorizzazione relativi all’occupazione, atteso che la tassa colpisce anche le occupazioni senza titolo.

 

Non è vero, come sosteneva la società ricorrente, che le occupazioni con impianti adibiti a servizi pubblici, nei casi in cui sia prevista, all’atto della concessione o successivamente, la devoluzione gratuita al comune o alla provincia al termine della concessione, siano sgravate dalla tassa: l’esenzione non sussiste e, come già affermato dalla Corte in tema di viadotti autostradali, a nulla rileva che l’opera sia di proprietà dello Stato al quale poi tornerà la gestione allo scadere della concessione.

 

 

 

Leggi dopo

Le Bussole correlate >