News

Ok alla cartella notificata con lettera raccomandata con avviso di ricevimento

Legittima la cartella notificata con lettera raccomandata con avviso di ricevimento. Lo conferma la Cassazione con l’ordinanza del 4 settembre 2017 n. 20747, con la quale gli Ermellini hanno accolto il ricorso presentato da Equitalia.

 

Secondo il tribunale di merito, la notifica della cartella era viziata dalla mancata di una relata a completamento della notificazione a mezzo posta. Secondo i giudici di primo grado, la notifica a mezzo posta non equivale alla mera spedizione con avviso di accertamento. Non così secondo la Cassazione.

 

«In tema di notifica a mezzo posta della cartella esattoriale emessa per la riscossione di sanzioni amministrative – si legge in ordinanza, in accoglimento del ricorsotrova applicazione l’art. 26 del D.P.R. n. 602/1973, per il quale la notificazione può essere eseguita anche mediante invio, da parte dell’esattore, di lettera raccomandata con avviso di ricevimento, nel quale caso si ha per avvenuta alla data indicata nell’avviso di ricevimento sottoscritto dal ricevente e dal consegnatario, senza necessità di redigere un’apposita relata di notifica, come risulta confermato per implicito dal penultimo comma del citato art. 26, secondo il quale l’esattore è obbligato a conservare per cinque anni la matrice o la copia della cartella con la relazione dell’avvenute notificazione o l’avviso di ricevimento, in ragione della forma di notificazione prescelta, al fine di esibirla su richiesta del contribuente o dell’amministrazione». 

Leggi dopo

Le Bussole correlate >