News

Pace fiscale, la scadenza si avvicina

Ancora pochi giorni e verrà chiusa la finestra per aderire alle nuove definizioni agevolate. Il prossimo 31 maggio scadrà, infatti, il termine per presentare la domanda di accesso alla definizione delle controversie tributarie pendenti, dei processi verbali di constatazione, delle irregolarità formali.

 

Definizione controversie tributarie pendenti

Deve essere presentata all'Agenzia delle Entrate, esclusivamente mediante trasmissione telematica, una distinta domanda di definizione per ciascuna controversia tributaria autonoma, ossia relativa al singolo atto impugnato. La domanda è esente dall'imposta di bollo. Ai fini del perfezionamento della definizione agevolata, oltre alla presentazione della domanda, è necessario il pagamento di un importo pari al valore della controversia (art. 12, c. 2, D.Lgs. 546/1992).  

 

 

Definizione dei PVC

Per accedere alla sanatoria è necessario presentare la dichiarazione integrativa relativa allo specifico periodo d'imposta che s'intende definire ovvero più dichiarazioni nel caso in cui per lo stesso periodo d'imposta sia prevista la presentazione autonoma di una singola dichiarazione per ciascun tributo. Per il perfezionamento della definizione agevolata è necessario il versamento delle imposte autoliquidate nelle dichiarazioni presentate e/o il riversamento del credito indebitamente compensato, senza applicazione di sanzioni e interessi.

 

Definizione irregolarità formali

Ai fini della sanatoria occorre rimuovere le irregolarità od omissioni e versare la somma di 200 euro per ciascuno dei periodi d'imposta, cui si riferiscono le violazioni formali, indicati nel modello F24. Qualora le violazioni non si riferiscono ad un periodo d'imposta, occorre fare riferimento all'anno solare in cui sono state commesse (Prov. AE 15 marzo 2019 prot.62274).

Leggi dopo