News

Partite IVA, nel mese di giugno -0,7%

38.466: tante sono le nuove partite IVA aperte nel mese di giugno 2017, secondo il consueto bollettino diffuso dal Dipartimento delle Finanze. Rispetto al mese di giugno 2016, si registra una flessione dello 0,7%.

 

Il documento rivela che la quota relativa alle persone fisiche è pari al 69,2% del totale, quella delle società di capitali è pari al 25,5% e quella delle società di persone si attesta al 4,3%. Invece, la percentuale relativa ai “non residenti” e “altre forme giuridiche” è pari all’1%. Osserviamo che, rispetto allo stesso mese dell’anno scorso, c’è stato un calo di aperture limitato per le persone fisiche, (-2,4%) e più marcato (-12,3%) per le società di persone.

 

Come sempre, la maggiore apertura di partite IVA è localizzata al Nord, con il 42,3%, il 22,7% al Centro ed il 34,7% al Sud ed Isole. Gli aumenti più considerevoli si sono registrati in Valle d’Aosta (+13,3%), Liguria (+7,9%) e nella provincia autonoma di Bolzano (+7,2%); le flessioni più marcate si registrano in Basilicata (- 30,8%), Molise (-13,6%) e Calabria (-10,5%).

 

Osservando i settori produttivi, il commercio registra il maggior numero di aperture (20,9% del totale); seguono quindi le attività professionali (14,2%) le attività di alloggio e ristorazione (9,1%). Analizzando i settori principali, gli incrementi più significativi, si rilevano nei trasporti (+14,1%), attività immobiliari (+10,5%) e nella sanità (+10,2%).

 

L’indagine rivela che nel mese in esame 14.208 soggetti hanno aderito al nuovo regime forfetario (circa il 37% del totale delle nuove aperture), con un aumento dell’ 8,3% in confronto al corrispondente mese dell’anno scorso.

Leggi dopo

Le Bussole correlate >