News

Prima casa, agevolazioni confermate anche se il contribuente divide successivamente l’immobile

Le agevolazioni prima casa permangono anche se il contribuente, dopo l’acquisto dell’immobile beneficiato, lo divide in due unità (Cass. 27 novembre 2019 n. 30930).

 

I giudici della Sezione Tributaria della Cassazione hanno accolto il ricorso del contribuente, rovesciando il verdetto della sentenza di merito. Secondo la Corte, infatti, è rilevante la circostanza secondo la quale l’immobile, a seguito della divisione (successiva all’atto di acquisto) sia stato suddiviso in due unità immobiliari di superficie complessiva inferiore a 240 metri quadrati; è invece carente la motivazione sul punto che tale circostanza abbia a che vedere con il requisito dimensionale.

 

In tema di dimensioni dell’immobile, è consolidato il principio secondo cui la superficie massima dell’immobile, per non ricadere nella categoria “di lusso”, deve essere valutata escludendo dal dato quantitativo globale della superficie dell’immobile indicata nell’atto di acquisto solo alcuni vani specificamente individuati quali i balconi, le terrazze, le cantine, le soffitte, le scale e il posto macchine. Il riferimento alla superficie utile non ha specifica attinenza con il concetto di superficie calpestabile, dovendosi avere riguardo alla superficie lorda, eccettuata quella relativa ai vani (coperti e scoperti) indicati dalla normativa.

Leggi dopo