News

Pronti i dichiarativi. On-line anche le specifiche per la dichiarazione IVA

31 Gennaio 2019 |
Modello IVA

Sono on-line da ieri i modelli definitivi Redditi 2019 e IRAP e Consolidato nazionale e mondiale. Nella stessa giornata l’Agenzia delle Entrate ha, altresì, reso disponibili le specifiche tecniche per la trasmissione telematica dei dati contenuti nella Dichiarazione annuale IVA 2019 relativa all’anno 2018 e ha approvato una modifica all’informativa sul trattamento dei dati personali dei modelli IVA 2019, IVA BASE 2019 e IVA 74-bis.

 

I nuovi Modelli Redditi 2019 disponibili sono quelli per le persone fisiche, gli enti non commerciali, le società di persone e le società di capitali. Tra le novità di quest’anno, fa il suo debutto nelle dichiarazioni Redditi PF e SP il bonus verde introdotto lo scorso anno con la manovra finanziaria. Si tratta della detrazione prevista per le spese sostenute per interventi di «sistemazione a verde» di aree scoperte private di edifici esistenti, unità immobiliari, pertinenze o recinzioni, impianti di irrigazione e realizzazione pozzi e di realizzazione di coperture a verde e di giardini pensili.

 

Altra novità è rappresentata dalla nuova disciplina sul riporto delle perdite derivanti da attività esercitate in regime di impresa di cui all’art. 8 del T.U.I.R. (perdite riportabili nei periodi d’imposta successivi senza limiti di tempo e utilizzabili in misura limitata) che ha trovato spazio nei quadri di determinazione del reddito d’impresa dei modelli PF, ENC e SP.

 

Debuttano, infine, nei Modelli Redditi 2019 le nuove sezioni XXIII-A XXIII-B e XXIII-C nel quadro che sono rivolte  ai soggetti che si sono avvalsi della facoltà di rivalutare i beni d’impresa e delle partecipazioni risultanti dal bilancio dell’esercizio in corso al 31 dicembre 2017 e per l’affrancamento ai fini fiscali dei maggiori valori che risultano iscritti nel bilancio dell’esercizio in corso al 31 dicembre 2017, nonché ai soggetti che abbiano proceduto alla rivalutazione dei beni di impresa e delle partecipazioni, i quali possono affrancare il saldo di rivalutazione risultante.

 

Leggi dopo