News

Record precompilata, superata quota 2 milioni e 400mila

Una precompilata da record, che supera quota 2 milioni e quattrocentomila dichiarazioni spedite dai cittadini: sono i dati del 2017, aggiornati al 24 luglio, ultimo giorno utile per l’invio del 730.

 

Come puntualizzano le Entrate con una nota, il numero dei cittadini che nel 2017 hanno gestito e inviato la dichiarazione direttamente dal proprio pc è in crescita; questo, forse, grazie anche alla presenza di nuove informazioni nei modelli precompilati come quelle relative alle spese sanitarie, complete quest’anno dei dati degli scontrini dei farmaci da banco e di quelli relativi alle prestazioni di ottici, psicologi, infermieri, ostetriche e tecnici sanitari di radiologia medica. Osserva l’Agenzia, che «delle 2.427.803 dichiarazioni dei redditi inviate utilizzando il sistema disponibile sul sito delle Entrate, 2.298.603 sono modelli 730, mentre i modelli Redditi che risultano già spediti (quest’anno la scadenza è prevista per il 31 ottobre 2017) sono 129.200».

 

Al Nord si trova il maggior numero di cittadini che hanno inviato il 730 in autonomia; da sole tre regioni, Lombardia, Veneto e Piemonte, arrivano complessivamente un milione di modelli. 597mila modelli sono stati spediti dalla Lombardia, 265mila dal Veneto e 225mila dal Piemonte. Inoltre, la maggior parte delle precompilate spedite direttamente dai cittadini riguarda persone di età compresa tra i 41 e i 50 anni, quindi tra i 51 ed i 60 anni. Seguono quindi i trentenni e le persone di età compresa tra i 71 e gli 80 anni.

Leggi dopo

Le Bussole correlate >