News

Trasmissione telematica del certificato di successione

Premessa

L’art. 23-quater, comma 1, del D.L. 6 luglio 2012, n. 95 (convertito, con modificazioni, dalla Legge 7 agosto 2012, n. 135) ha previsto, a decorrere dal 1° dicembre 2012, l’incorporazione dell’Agenzia del territorio nell’Agenzia delle Entrate.

A decorrere dal 2 dicembre 2013 viene attivata la trasmissione telematica  del certificato di successione da parte del competente ufficio dell’Agenzia da presentare al conservatore dei registri immobiliari, ai sensi dell’art. 5 del D.Lgs. 31 ottobre 1990, n. 347, al fine di adottare le tecnologie dell’informazione e della comunicazione nei rapporti interni e in un’ottica di semplificazione, efficienza, efficacia ed economicità dell’azione amministrativa. Questo quanto previsto dal Provvedimento n. 94426 del Direttore dell’Agenzia delle Entrate.

 

Oggetto della procedura

La nuova procedura di trasmissione telematica riguarda il certificato di successione integralmente predisposto con strumenti informatici e l'impiego della firma digitale, e le relative note di trascrizione.

 

Certificato di eseguita formalità

Il documento dispone, inoltre, che per le richieste di trascrizione integralmente trasmesse per via telematica, il certificato di eseguita formalità sia sottoscritto dal conservatore, ovvero da suo delegato, con firma digitale che ne attesta le relative funzioni.

 

Disposizioni transitorie

Il Provvedimento prevede che a decorrere dal 1° agosto 2013 e fino all’attivazione della trasmissione telematica, il certificato di successione, predisposto con strumenti informatici in formato PDF/A o TIFF e sottoscritto con firma digitale, può essere trasmesso al conservatore a mezzo posta elettronica. L’Agenzia delle Entrate dispone anche una clausola di salvaguardia per le trasmissioni dei certificati di successione non sottoscritti con firma digitale, effettuate antecedentemente al 1° agosto 2013 a mezzo posta elettronica, anche certificata.

Leggi dopo

Le Bussole correlate >