Quesiti Operativi

Nota di credito da fornitore extra UE

 

Un soggetto passivo italiano ha acquistato dei beni da un fornitore extra Ue, i beni sono stati regolarmente importati, pagandovi l'IVA. Alcuni giorni dopo sono stati evidenziati dall'acquirente italiano alcuni vizi ed il fornitore, al fine di chiudere bonariamente la contestazione, ha emesso una nota di credito per il tramite del rappresentante fiscale italiane, esclusa IVA ai sensi dell'art. 7-bis, D.P.R. 633/72. È corretto ritenere che detta nota di credito debba essere registrata senza alcuna integrazione, non rilevando e non riversando IVA a debito?

Leggi dopo

Le Bussole correlate >