Quesiti Operativi

Reverse charge su impianto fotovoltaico

 

Una società che opera nel settore delle installazioni fotovoltaiche ha ricevuto l'incarico di realizzare un impianto da collocare sul tetto di un capannone artigianale ove è svolta l'attività di produzione di impasti alimentari. L'impianto, che non è integrato all'edificio, è composto da un telaio metallico dotato di staffe (piedi) di circa 30 cm di altezza che fanno da punto di appoggio sul tetto, una serie di pannelli fotovoltaici allineati in orizzontale ed altri messi in modo verticale, così da essere rivolti in migliore posizione verso il sole, mentre la potenzialità dell'impianto è di 80 Kw. L'impianto fotovoltaico viene collegato al quadro elettrico generale nel capannone per fornire energia agli impianti di refrigerazione ivi presenti per la conservazione dei prodotti alimentari. Di fatto, l'impianto, collocato sul tetto dell'edificio, è servente all'attività svolta all'interno dell'immobile. Quest'ultimo, senza l'impresa al suo interno e senza l'impianto fotovoltaico, sarebbe comunque dotato del proprio impianto elettrico di base. Si deve applicare il reverse charge alla fatturazione per la realizzazione dell'impianto? Sussiste l'obbligo di autonomo accatastamento dell'impianto siffatto?

Leggi dopo

Le Bussole correlate >