Bussola

Accertamento con adesione

18 Settembre 2017 |

Sommario

Inquadramento | Effetti | Modello di accertamento con adesione | Novità apportate dalla Legge di Stabilità 2015 | Utilizzo delle perdite in caso di accertamento con adesione | Riferimenti |

 

Tra gli strumenti previsti dalla Legge per prevenire e definire il contenzioso tributario si ricordano:   Ravvedimento operoso; Autotutela; Definizione degli avvisi bonari; Acquiescenza; Reclamo e mediazione; Conciliazione giudiziale; Accertamento con adesione. Gli strumenti sopra segnalati si possono distinguere a seconda che la definizione avvenga con o senza contraddittorio o addirittura sia il risultato del contraddittorio stesso. Prima della riforma operata dalla Legge di stabilità 2015, tra gli istituti deflattivi del contezioso potevano annoverarsi anche l’adesione ai verbali di costatazione e agli inviti al contradditorio.   L’accertamento con adesione, conosciuto anche come concordato, è contraddistinto da una procedura di controllo, effettuato in contraddittorio, mediante la quale il contribuente può concordare con l’ufficio la maggiore imposta dovuta.
La domanda di accertamento con adesione può essere formulata dal contribuente stesso indirizzandola ai competenti Uffici o dall’Ufficio stesso qualora ne ravvisi l’opportunità e si ritiene sia applicabile all’IVA. Se l’Ufficio procedente ha già emesso un avviso di accertamento il contribuente, prima che scadano i 60 giorni per l’impugnazione, può presentare all’Agenzia delle Entrate domanda di accertamento con a...

Leggi dopo