Bussola

Addizionale regionale e comunale all'IRPEF

Sommario

Inquadramento | Addizionale regionale all’IRPEF | Addizionale comunale all’IRPEF | Le disposizioni previste del Decreto Semplificazioni (D.Lgs. n. 175/2014) | Sezione Versamento Addizionali all’IRPEF Mod. F24 | Riferimenti | |

 

Al fine di favorire una maggiore autonomia finanziaria degli enti locali, sono state introdotte due tipologie di addizionali all’IRPEF: l’addizionale regionale e l’addizionale comunale. Entrambe seguono le regole di prelievo dell’IRPEF ordinaria, che è un’imposta personale e progressiva che colpisce il reddito complessivo ovunque prodotto dalle persone fisiche residenti in Italia e il reddito prodotto in Italia da parte delle persone fisiche non residenti. Si determinano in base ad aliquote determinate ed eventualmente maggiorate dalle Regioni e dai Comuni; il periodo di imposta, salvo casi particolari, coincide con l’anno solare, al quale corrisponde un’obbligazione tributaria autonoma. È prevista la possibilità di compensare i crediti di imposta risultanti dalla dichiarazione dei redditi con altre imposte o contributi, o con l’imposta dovuta per periodi successivi.   Il Decreto fiscale (D.L. 193/2016) ha modificato i termini per il versamento dell’IRPEF, di conseguenza dal 2017 cambiano anche quelli relativi alle addizionali. Entrambe le tipologie di addizionali all’IRPEF seguono le stesse regole di prelievo. Si applicano ai contribuenti, residenti e non residenti, per i quali, nell’anno di riferimento risulta dovuta l’IRPEF, dopo aver scomputato le detrazioni d’imposta e i ...

Leggi dopo