Bussola

Assunzioni obbligatorie

20 Dicembre 2017 |

Sommario

Nozione e beneficiari | Assunzioni disabili - beneficiari | Datori di lavoro | Computo della dimensione occupazionale | Obbligo di riserva | Obblighi del datore | Casi particolari | Assunzione | Svolgimento del rapporto di lavoro | Categorie protette | Procedimento di collocamento obbligatorio dei centralinisti non vedenti | Procedimento del collocamento di fisioterapisti, massaggiatori, masso - fisioterapisti non vedenti da parte di strutture ospedaliere | Riferimenti |

 

  In base alla dimensione occupazionale, le aziende possono essere obbligate ad assumere una percentuale di lavoratori appartenenti a categorie protette o a categorie svantaggiate. 
Sono lavoratori svantaggiati coloro che in considerazione delle loro condizioni fisiche e psichiche troverebbero difficilmente collocazione nel mondo del lavoro.
Il collocamento obbligatorio per le persone disabili è affidato ai Centri per l’Impiego territoriali: essi curano la gestione delle graduatorie, il rilascio delle autorizzazioni relativi agli esoneri parziali e alle compensazioni territoriali, la stipula delle convenzioni e l’attuazione del collocamento mirato. Beneficiano del collocamento obbligatorio: gli invalidi civili (soggetti in età lavorativa affetti da minorazioni fisiche, psichiche e sensoriali e portatori di handicap intellettivo che comportino una riduzione della capacità lavorativa superiore al 45%); invalidi del lavoro (soggetti con un grado di invalidità per lavoro accertata dall’INAIL superiore al 33%); soggetti non vedenti; soggetti sordomuti; invalidi di guerra (civili o per servizio); soggetti divenuti invalidi a causa del rapporto di lavoro (condizioni: il soggetto deve essere stato dichiarato inabile alle mansioni per cui è stato assunto; la menomazione è avv...

Leggi dopo