Bussola

Borse di studio

04 Aprile 2018 |

Sommario

Inquadramento | Aspetti generali | Deroghe al principio generale di tassabilità delle borse di studio | Borse di studio cofinanziate con fondi FSE | Aspetti previdenziali e indicazione nel modello CU degli assegni di ricerca | Cittadini stranieri | Riferimenti |

 

La Costituzione Italiana tutela il diritto all’istruzione. L’articolo 34 della Carta Costituzionale sancisce espressamente che tale diritto sia tutelato anche per coloro che non sono in possesso di mezzi economici tramite l’erogazione di borse di studio o di assegni. Ciò al fine di consentire ai capaci ed ai meritevoli di conseguire i gradi più elevati di istruzione.   L’erogazione di borse di studio o di assegni di ricerca è affidata in primo luogo ad enti pubblici in ottemperanza al diritto all’istruzione previsto dalla Carta Costituzionale, ma a questi si aggiungono altri enti e istituzioni che erogano somme inquadrabili come borse di studio o assegni di ricerca che oltre a consentire la prosecuzione degli studi a soggetti giovani e meritevoli, consentono agli stessi un approccio formativo al mondo del lavoro con rapporti che non siano inquadrabili direttamente nel rapporto di lavoro dipendente che si instaura tra ente e studente/lavoratore.   Agli strumenti originari, costituiti da borse di studio e assegni di ricerca, si sono aggiunti infatti altri strumenti maggiormente finalizzati all’inserimento lavorativo, quali gli stage e i tirocini, che possono prevedere un corrispettivo a titolo di rimborso delle spese o di premio o di sussidio per lo svolgimento dell’attività di ...

Leggi dopo