Bussola

Cartelle esattoriali

Sommario

Inquadramento | Procedimento di riscossione | Termini per la notifica di della cartella di pagamento | La cartella di pagamento in vigore dal 2011 | Cartella di pagamento - Ruoli consegnati dopo il 31 luglio 2012 | Pagamento della Cartella Esattoriale | Versamento rateale | Nuova rateazione per i contribuenti decaduti e nuovi valori soglia | L'impugnazione della cartella di pagamento | Rottamazione Cartelle esattoriali – Dal decreto salva Roma alla Definizione agevolata 2016 | Riferimenti |

 

  La cartella di pagamento è l’atto esattivo che l’Agente della riscossione invia ai contribuenti per la riscossione dei crediti vantati dagli enti creditori (Agenzia delle Entrate, Inps, Comuni, ecc.).   L’Agente della riscossione, ad esempio per l’Agenzia delle Entrate, è il gruppo Equitalia, fino al 1° Luglio 2017 (da tale data sarà sostituita dalla società “Agenzia delle Entrate – Riscossione” come previsto dall'art. 1, D.L. 22 ottobre 2016 n. 193).   Le cartelle di pagamento contengono: l'indicazione delle somme dovute;  le istruzioni sul pagamento; l’invito a provvedere entro 60 giorni;  l’indicazione di come e a chi richiedere la rateizzazione;  le spiegazioni per proporre eventuali ricorsi; il nome del responsabile del procedimento di iscrizione a ruolo e di quello di emissione e di notifica della cartella.   La notifica della cartella può avvenire anche a mezzo posta elettronica certificata (PEC). Più precisamente, la notifica a mezzo PEC è obbligatoria per le imprese e per i professionisti iscritti in albi o elenchi, mentre per le persone fisiche, intestatarie di un indirizzo PEC, che desiderano ricevere in tal modo le eventuali notifiche ne dovranno fare richiesta. Essendo una novità introdotta dal D.Lgs. n. 159/2015, le nuovi disposizioni saranno applicabili a part...

Leggi dopo