Bussola

Certificazione Unica

22 Febbraio 2019 |

Sommario

Inquadramento | Soggetti obbligati all’invio | Consegna al contribuente e utilizzo della Certificazione Unica | I quadri PARTE I - FRONTESPIZIO | PARTE II: QUADRO CT | PARTE III: CERTIFICAZIONE DEI REDDITI | Locazioni brevi | Riferimenti | | |

 

  1. Il modello – norme generali Il modello CU si compone di tre parti: parte I: frontespizio; parte II: quadro CT; parte III: Certificazione dei redditi, compensi corrisposti ai lavoratori dipendenti, ai lavoratori autonomi e ai percipienti provvigioni; Parte IV: Certificazione redditi – locazioni brevi. L’invio del modello avviene esclusivamente in modalità telematica direttamente o tramite intermediario abilitato. Il flusso telematico può essere suddiviso: il sostituto può inviare separatamente i dati relativi ai redditi di lavoro dipendente e i dati relativi ai redditi di lavoro autonomo e provvigioni. L’invio telematico è considerato tempestivo anche per le certificazioni scartate, ma inviate di nuovo entro 5 giorni lavorativi successivi alla data di comunicazione che attesta il motivo dello scarto.   Nota Bene: per la CU/2019 (anno di imposta 2018) le scadenze sono le seguenti:
  7 marzo 2019 –è la data entro la quale il sostituto d’imposta è tenuto ad inviare la certificazione unica di ogni suo dipendente per via telematica all’Agenzia delle Entrate ; 1 aprile 2019 – il limite massimo fissato per la consegna del documento al lavoratore.   Nota bene: Le CU contenenti esclusivamente redditi esenti o non dichiarabili mediante la dichiarazione “precompilata” posson...

Leggi dopo