Bussola

Concorsi a premio

Sommario

Inquadramento | Gli elementi distintivi | La procedura e le sanzioni | Sull'IVA | Sulle imposte sui redditi | Sul lavoro dipendente | Sull'aspetto civilistico e fiscale | Trattamento Contabile | Riferimenti |

 

Ai sensi dell’art. 2 del D.P.R. n. 430/2001 sono considerati concorsi a premio le manifestazioni in cui l’attribuzione dei premi offerti dipende: Dalla sorte; Dall’abilità o dalla capacità dei concorrenti chiamati ad esprimere giudizi o pronostici relativi a determinate manifestazioni o a rispondere a quesiti o ad eseguire lavori la cui valutazione è riservata a terze persone o a speciali commissioni; Dall’abilità o dalla capacità dei concorrenti di adempiere per primi alle condizioni stabilite dal regolamento, purché le modalità di assegnazione dei premi siano oggettivamente riscontrabili e i concorrenti che non risultino vincitori possano partecipare all’assegnazione di ulteriori premi. Mentre l’art. 6 del medesimo decreto sancisce che non si considerano concorsi e operazioni a premio: I concorsi indetti per la produzione di opere letterarie, artistiche o scientifiche, nonché per la presentazione di progetti o studi in ambito commerciale o industriale, nei quali il conferimento del premio all’autore dell’opera prescelta ha carattere di corrispettivo di prestazione d’opera o rappresenta il riconoscimento del merito personale o un titolo d’incoraggiamento nell’interesse della collettività; Le manifestazioni nelle quali è prevista l’assegnazione di premi da parte di emittenti r...

Leggi dopo