Bussola

Curatore fallimentare

Sommario

Nomina | Adempimenti preliminari | Principali adempimenti | Revoca e responsabilità del curatore | Riferimenti |

 

Con la sentenza dichiarativa di fallimento il tribunale nomina il curatore fallimentare. La nomina può altresì avvenire con un successivo decreto, in caso di revoca o di sostituzione del curatore nominato. Il curatore con la nomina, assume la carica di pubblico ufficiale. Chi può essere nominato curatore fallimentare Chi non può essere nominato curatore fallimentare Gli avvocati I soggetti che hanno legami di parentela o affinità fino al quarto grado,con il fallito I commercialisti e i periti commerciali Il coniuge del fallito Chi ha svolto funzione di amministrazione, di direzione e controllo in società per azioni I soggetti che si trovano in conflitto di interessi con la massa dei creditori Gli studi professionali associati I soggetti che hanno contribuito al dissesto dell’impresa   I soggetti che hanno svolto la funzione di commissario giudiziale in relazione ad una procedura di concordato per il medesimo debitore (art. 5, D.L. 27 giugno 2015, n. 83) In caso di nomina di uno studio associato o di una società di professionisti, tutti i soci possono compiere gli atti e le operazioni attinenti all’incarico di curatore e ne sono responsabili. Il curatore nominato deve far pervenire al giudice delegato, nel termine di 2 giorni, l’accettazione dell’incaric...

Leggi dopo