Bussola

Distruzione dei beni

19 Dicembre 2013 |

Sommario

Introduzione | Procedura per la distruzione dei Beni | Modalità di distruzione dei beni | Modulistica | Trattamento Fiscale e Contabile | Casi particolari | Riferimenti |

 

La distruzione dei beni di impresa, sia di magazzino che strumentali è disciplinata dal D.P.R. 10 novembre 1997, n. 441. La normativa è integrata dai chiarimenti che il Ministero delle Finanze ha inserito nella Circolare Ministeriale n. 193 del 23 luglio 1998.
Nel corso dell'attività d'impresa può rendersi necessario procedere alla distruzione di beni strumentali o di merci, ovvero alla cessione di beni o merci ormai obsoleti o inutilizzabili. A seconda dei casi o della tipologia del bene, le suddette operazioni devono essere effettuate con l'osservanza di particolari modalità. Il rispetto delle particolari procedure, infatti, consente di superare la presunzione tributaria per cui si considerano ceduti i beni acquistati, importati o prodotti che non si trovano nei luoghi in cui l’imprenditore e/o il professionista svolgono la propria attività.
In materia, come ricordato in premessa, va rilevato che ad opera del cd. Decreto sviluppo 2011 (D.L. n. 70/2011) è stato disposto un adeguamento monetario in relazione alla procedura semplificata per la distruzione di beni, ai fini del superamento delle presunzioni Iva. È stato, infatti, elevato a decorrere dal 14 maggio 2011, da 5.164 a 10.000 euro l'ammontare di costo massimo dei beni la cui distruzione può essere provata att...

Leggi dopo