Bussola

Fair value

Sommario

Inquadramento | Criteri valutativi del fair value | Limiti del fair value | Riferimenti |

 

  Il fair value raccoglie al suo interno una pluralità di criteri valutativi:   valore di realizzo; valore corrente di beni similari; valore attuale (concetto al quale spesso si riconduce direttamente il fair value); valore del costo ammortizzato. Ciò che il fair value rispecchia più da vicino, è il cosiddetto valore di mercato, vale a dire il valore di scambio. Questa stretta coincidenza fra i due concetti porta ad una perfetta simmetria fra il costo storico ed il fair value al momento in cui l’operazione (acquisizione) è effettuata. Ciò, talvolta, può condurre alla corrispondenza con il valore di realizzo, inteso come il valore del denaro, o suo equivalente, che potrebbe essere ottenuto, al momento attuale, vendendo un’attività in una dismissione non forzosa.   All’interno del nostro sistema, il concetto di fair value, viene richiamato principalmente come elemento indispensabile nel rispetto del principio della prudenza, principio che risulta essere richiamato esplicitamente nella valutazione delle rimanenze ed implicitamente nella svalutazione delle immobilizzazioni, allo scopo di riuscire ad impedire che siano patrimonializzati valori che non possono essere realizzati in maniera diretta (tramite la vendita nel mercato) o indirettamente (risulta qui principale il concetto d...

Leggi dopo