Bussola

Fiscalità internazionale

30 Giugno 2017 | ,

Sommario

Inquadramento | Principali caratteristiche | Stabile Organizzazione | Credito d'imposta per i redditi prodotti all'estero | Ruling internazionale | Trasferimento all’estero della residenza fiscale: l’exit tax | Scambio di informazioni e procedura amichevole | Disposizioni in materia di imprese estere controllate e collegate | Imposta sostitutiva sui redditi prodotti all’estero da neo-domiciliati | Attrazione degli investimenti esteri | Dichiarazione annuale per gli investimenti e le attività | Interpello su nuovi investimenti | Accordi internazionali | Eliminazione della doppia imposizione | Nuova Convenzione tra Italia e San Marino | Riferimenti |

 

Nell’era moderna dove non esistono frontiere e si tende ad avere un unico mercato mondiale è evidente che le relazioni economiche si sviluppano, assumendo rilevanza impositiva, su più Stati. L’incrociarsi di queste molteplici potestà impositive ha un suo sfogo naturale in un potenziale “conflitto impositivo di tassazione” sfociando così nel fenomeno della doppia imposizione internazionale. Il termine sopraccitato viene utilizzato quando i presupposti d’imposta di due o più Stati vengono a sovrapporsi facendo sì che, le diverse leggi nazionali, assoggettino due o più volte ad imposta la stessa ricchezza. Più volte la dottrina internazionale ha cercato una definizione di doppia imposizione internazionale che, in senso giuridico si avrebbe a seguito della: applicazione di imposte comparabili; da parte di due o più Stati; per lo stesso presupposto di fatto; per lo stesso periodo d’imposta; a carico del medesimo contribuente.        

Leggi dopo