Bussola

Imposta di scopo

Sommario

Inquadramento | L’imposta comunale di scopo | Opere pubbliche realizzabili utilizzando l’imposta di scopo e gettito totale | Regolamento istitutivo dell’imposta e modalità di rimborso | Riferimenti |

 

La Pubblica Amministrazione necessita di strutture e di mezzi per svolgere la sua attività, sempre osservando puntualmente la Costituzione. L’art. 95 della Costituzione stabilisce che la legge è la fonte primaria di disciplina della materia organizzativa, e che essa deve rispettare i principi di imparzialità e buon andamento, ma non può comprimere del tutto gli spazi di organizzazione riservati all’esecutivo. Ai sensi dell’art. 117, comma 6, della Costituzione, infatti, gli enti locali (Regioni, Provincie e Comuni sono i più importanti, ma ne esistono anche altri, come ad esempio le comunità montane) hanno “potestà regolamentare in ordine alla disciplina dell’organizzazione e dello svolgimento delle funzioni loro attribuite”.   L’autonomia statutaria e regolamentare degli enti locali è stata espressamente riconosciuta dalla Legge 8 giugno 1990, n. 142 (Testo Unico Enti Locali), il quale prevede che: la legge detta le linee fondamentali dell’organizzazione dell’ente; ogni ente può compiere scelte autonome (ad integrazione di tale disegno). Con la legge delega 5 maggio 2009, n. 42 il Comune è stato riconosciuto come l’ente che rappresenta la propria comunità, ne cura gli interessi e ne promuove lo sviluppo, e ad esso sono attribuite tutte le funzioni amministrative che riguardin...

Leggi dopo

Le Bussole correlate >