Bussola

Imposta provinciale di trascrizione

28 Gennaio 2016 |

Sommario

Inquadramento | Importo dell'imposta provinciale di trascrizione (IPT) | Pagamento dell’IPT e ravvedimento | Veicoli esenti dal pagamento dell'IPT | Veicoli con IPT ridotta | Riferimenti |

 

L'imposta provinciale di trascrizione (IPT) è l'imposta dovuta alla provincia per la maggior parte delle richieste presentate al PRA. Oltre all'IPT, che costituisce l'onere economico più elevato, al PRA sono dovuti anche gli emolumenti ACI e l'imposta di bollo.   L’I.P.T. fu istituita il 15 dicembre 1997 con l’art. 56 D.Lgs. n. 446/1997, il quale ai commi 2 e 11 ne definisce il valore, con la possibilità per la provincia nel quale il veicolo viene immatricolato, di aumentarlo fino ad un massimo del 30% rispetto alle misure basi. Nell’eventualità che si volesse applicare tale aumento, questo dovrà essere adottato ai fini dell’approvazione del bilancio di previsione e si applicherà a partire dal 1 gennaio dell’anno in cui è riferito il bilancio di previsione e con l’obbligo di notificarlo entro 10 giorni dall’esecutività della relativa deliberazione provinciale. Per il sostenimento di tale tributo la normativa ha previsto delle agevolazioni per le patologie di handicap. I veicoli facenti parte di tali agevolazioni sono i seguenti:   Tipologia veicolo Patologia richiesta Autovetture Tutte le patologie Autoveicoli per il trasporto promiscuo Tutte le patologie Autoveicoli per trasporti specifici Tutte le patologie Motocarrozzette Esclusa la patologia che comporta cecità o sordità M...

Leggi dopo