Bussola

IUC

Sommario

Premessa | Presupposto dell'imposta | Soggetti passivi | Determinazione della componente IMU | Determinazione della componente TARI | Determinazione della componente TASI | Dichiarazione e versamento | Casi particolari per il versamento dell'IMU | Accertamento e riscossione | Sanzioni | Riferimenti |

 

IUC, acronimo di imposta unica comunale, è l’ultima di una lunga serie di denominazioni data all’imposta sugli immobili, sui rifiuti e sui servizi comunali indivisibili dalla Legge di stabilità 2014. Nella prima formulazione era stata inizialmente definita Service Tax, poi TASER ed infine TRISE. L’appellativo di IUC, in sostituzione di quest’ultima, è stato introdotto con il maxi emendamento all’AS1120 nel corso dell’iter di approvazione della Legge di stabilità. La nuova imposta, che colpirà i contribuenti a decorrere dal 1° gennaio 2014 introdotta dalla Legge di stabilità (ex Finanziaria) per il 2014 del 27 dicembre 2013, n. 147 (G.U. n. 302 del 27 dicembre 2013 - Suppl. Ordinario n. 87)  è una service tax che ingloba tre componenti: una componente patrimoniale (IMU); una componente relativa ai servizi di raccolta e smaltimento rifiuti (TARI); una componente relativa ai servizi comunali indivisibili, come ad esempio polizia locale, uffici tecnici, illuminazione pubblica, manutenzione di strade, verde pubblico, manutenzione di strade (TASI). Essa rappresenta una vera e propria imposta comunale in quanto, a differenza di quanto previsto per la (ormai vecchia) imposta municipale unica (IMU), l’intero gettito e buona parte del meccanismo impositivo saranno di competenza dei Com...

Leggi dopo

Le Bussole correlate >