Bussola

Pensioni estere

06 Luglio 2014 |

Sommario

Inquadramento | Totalizzazione contributi | Disciplina Convenzionale sulla Tassazione | Tassazione pensioni pubbliche | Tassazione pensioni private | Modello RED | Riferimenti |

 

Le pensioni estere percepite da contribuenti residenti in Italia, devono essere dichiarate e costituiscono redditi di lavoro dipendente, se: non esiste convenzione con il Paese estero contro le doppie imposizioni; esiste convenzione con il Paese estero contro le doppie imposizioni, in base alla quale tali redditi devono essere assoggettati a tassazione sia in Italia sia nello Stato estero; esiste convenzione con il Paese estero contro le doppie imposizioni, in base alla quale tali redditi devono essere assoggettati a tassazione esclusivamente in Italia. Per i primi due casi, l’articolo 165 del T.U.I.R. il contribuente ha diritto ad un credito IRPEF per le imposte pagate all’estero a titolo definitivo. Tale credito non può comunque eccedere la quota IRPEF relativa al reddito estero.
Nel terzo caso, qualora i redditi siano stati tassati anche nello Stato estero di erogazione, il contribuente  residente in Italia, non ha diritto al credito d’imposta, ma al rimborso delle imposte pagate nello Stato estero che andrà richiesto all’autorità estera competente in base alle procedure da questa stabilite.    

Leggi dopo