Bussola

Perdite fiscali

22 Maggio 2019 |

Sommario

Inquadramento | Documenti di prassi | Componenti positivi di reddito esenti | Casi pratici | Limitazioni al diritto di riporto delle perdite | L’utilizzo delle perdite in accertamento a seguito del D.Lgs. n. 158/2015 e Modello IPEA | L'utilizzo delle perdite fiscali nel caso del consolidato | Perdite fiscali di imprese neo-costituite partecipate da società quotate | Le perdite fiscali per le imprese Irpef | Riferimenti |

 

  La compensazione delle perdite è disciplinata dagli artt. 8 e 84 del TUIR. In particolare, l’art. 8 riguarda i soggetti IRPEF titolari di reddito di impresa e i lavoratori autonomi. A seguito delle modifiche apportate dalla Legge di Bilancio 2019 (L. 145/2018), alle imprese Irpef si applicano sostanzialmente le medesime regole dettate dall’articolo 84 del Tuir (si vedano i successivi paragrafi), mentre gli artisti e i professionisti continuano ad applicare la previgente disciplina, che prevede la possibilità di compensare le perdite relative all’attività con i redditi di qualsiasi categoria prodotti nel medesimo periodo d’imposta, non potendo però riportare l’eccedenza nelle successive dichiarazioni.   Per coloro, invece, in contabilità semplificata non è possibile riportare le perdite negli esercizi successivi, ma è possibile compensarle con i redditi di qualsiasi categoria prodotti nel medesimo periodo d’imposta.   L’art. 84 del T.U.I.R. tratta in maniera specifica il riporto delle perdite, le quali vengono determinate secondo le stesse norme valevoli per la determinazione del reddito. Una perdita pregressa può essere portata in diminuzione del reddito dei periodi d'imposta successivi in misura non superiore all'80% del reddito imponibile di ciascuno di essi, e per l'inter...

Leggi dopo