Bussola

Pronti contro termine

Sommario

Definizione | Componenti del rapporto contrattuale Pronto Contro Termine | Trattamento Fiscale | Trattamento contabile | Riferimenti |

 

Vengono definite Pronti contro Termine quelle operazioni, generalmente con una durata variabile da 1 a 3 mesi, nelle quali viene stabilita la cessione tra le parti di una certa quantità di titoli contro denaro e contestualmente viene fissata una data nella quale la parte acquirente scambierà nuovamente i titoli col venditore ad un prezzo stabilito che comprenderà l’interesse da riconoscere all’acquirente.
Dalla terminologia Inglese (REPO, contrazione del termine Repurchase Agreement) emerge chiaro il funzionamento dell'operazione, il contratto comprende infatti due momenti:
- la vendita di titoli al compratore,
- il riacquisto dei medesimi titoli ad una data concordata, ad un prezzo che tenga conto del saggio di rendimento per l’operazione. I casi piu comuni di operazioni Pronti contro Termine sono i contratti con cui un privato acquista in contanti dei titoli da un venditore (usualmente un istituto finanziario che vuole regolare la sua quantità di liquidità) stabilendo contestualmente all’acquisto la restituzione dei titoli ad un prezzo che comprende un rendimento.
Ove previsto espressamente il contratto puo essere rescisso da una delle parti prima della scadenza (Contratto “aperto”). In questo caso, a seconda dello specifico contratto il contraente che re...

Leggi dopo

Esplora i contenuti più recenti su questo argomento

Focus

Focus

Su Nota integrativa

La (nuova) Nota integrativa
di Annarita Mosca, Francesco Barone

Vedi tutti »