Bussola

Rateazione

22 Dicembre 2016 |
Visualizzazione ZEN

Sommario

Inquadramento | Presentazione della domanda | Proroga | Enti creditori che gestiscono in proprio la rateizzazione | Il contenuto del D.Lgs. 24 settembre 2015 , n. 159 | Legge di Stabilità 2016 | Nuova rateazione per i contribuenti decaduti | Abolizione Equitalia | Riferimenti | | |

 

  Se il contribuente titolare di un’impresa non riesce a pagare le cartelle esattoriali che gli vengono notificate in un’unica soluzione, può chiedere all’Agente della riscossione (Equitalia) di rateizzare il debito secondo un piano di dilazione ordinario (72 rate mensili) o straordinario (120 rate mensili).   Ottenuta una rateizzazione, è possibile chiedere il Documento unico di regolarità contributiva (DURC), rilasciato da INPS, INAIL e Casse edili, e il certificato di regolarità fiscale, rilasciato dall'Agenzia delle Entrate, per partecipare liberamente a gare e appalti.   In base all’attuale normativa (D.Lgs.. n. 159/2015) per i nuovi piani concessi a partire dal 22 ottobre 2015, la decadenza dalla rateizzazione si verifica in caso di mancato pagamento di 5 rate, anche non consecutive (in luogo delle precedenti 8).   In evidenza: Differenza per la decadenza tra le nuove e le vecchie rateazioni L’art. 15, comma 5, del D.Lgs. n. 159/2015 specifica che le innovazioni operano dalle dilazioni concesse a decorrere dall’entrata in vigore del decreto, quindi per quelle pregresse la decadenza continua a verificarsi con il mancato pagamento di otto rate del piano, pure non consecutive. La decadenza dal beneficio della rateazione opera di diritto e non occorre che venga accertata ...

Leggi dopo