Bussola

Recesso del socio

12 Novembre 2015 |

Sommario

Inquadramento | Aspetti civilistici | Aspetti fiscali | Riferimenti |

 

Il recesso è considerato dalla normativa civilistica un diritto che ciascun socio può esercitare in base a determinati criteri previsti dalla legge o dallo statuto. Il codice civile prevede le modalità di esercizio del diritto di recesso, dando anche autonomia alla società di prevedere nello statuto norme che limitano o agevolino il recesso. Differenti sono le modalità previste per il recesso del socio da una società di persone rispetto al recesso da una società di capitale. I due casi comportano inoltre differenze da un punto di vista fiscale. Gli aspetti fiscali intervengono qualora con la fine della partecipazione ad una società intervengono degli elementi positivi reddituali. Le plusvalenze corrispondono al maggior ricavo determinato dalla liquidazione della quota del socio rispetto al capitale investito. Contestualmente la società può sostenere un onere che influisce in maniera differente a seconda che la società sia di persone o di capitali. Da un punto di vista contabile il recesso del socio comporta l’annullamento del patrimonio sociale per il valore corrispondente alla quota del socio receduto, tranne il caso in cui non intervenga un altro soggetto o la società stessa ad acquistare le quote oggetto di recesso.

Leggi dopo